home pagecontattiarea riservata
home page
L'idea nata nel 2006
L'equipaggio del 2007
Le regate del 2007
La barca del 2007
Il programma
AGLI DEI
Diario di bordo
News
Sponsor
Foto / video
L'equipaggio del 2006
La barca del 2006
Le regate del 2006
Diario di bordo del 2006
Giuseppe Garibaldi
Diario di Bordo ANNO 2006
04/06/2006
Si parte per la regata di ritorno alle 10.30 dalla Maddalena e come nella regata di andata ci ritiriamo per assenza di vento alle 18:00 del pomeriggio. Arriviamo a Fiumicino intorno alle 8 del mattino successivo. Scendiamo a terra e da allora rimane solo uno splendido ricordo in tutti noi per i giorni trascorsi inseme.



02/06/2006
E' una giornata grigia e piovosa. Il maestrale e la pioggia ci obbligano a rimanere in porto. Solo Silvana decide di andare alla cerimonia della ricorrenza della morte di Garibaldi, mentre tutti gli altri del gruppo dormono fino a tardi. Trascorriamo il pomeriggio al bar Garibaldi della Maddalena, tra un grappino e un frappè e la sera in un noto ristorante del posto.


01/06/2006
La giornata sembra essere buona; decidiamo, quindi di uscire per fare un bagno. La prima caletta si è rivelata alquanto sfigata. Decidiamo quindi di andare dalle parti di Porto Palma e di ormeggiare protetti da un promontorio. Pranziamo e subito dopo ripartiamo alla volta di Cala Gavetta in quanto si stava avvicinando una perturbazione che non prometteva nulla di buono. Per la sera è stata organizzata una cena all'agriturismo Giuseppe Garibaldi a Caprera. Un'ora e mezza di cammino per poi scroccare un passaggio gli ultimi 100 metri! No Comment


31/05/06
E' il giorno della regata! Ci avviciniamo al campo veleggiando ed ingaggiamo una sorta di balletto con le altre imbarcazzioni bordando ai limiti della linea di partenza. Purtroppo al momento della partenza ci ritroviamo a superare la linea della partenza con 5 secondi di anticipo, per cui siamo costretti a tornare indietro per poter rifare la partenza. E così da primi passiamo ultimi. Nonostante ci siano circa 7 minuti di ritardo riusciamo a riprendere alcune barche compresa Rosmarina di Luca Tisselli, guidata per l'occasione da Pasquale De Gregorio. Purtroppo per loro una scelta sbagliata li porta in un angolo morto e permette a noi di superarla. Alla fine tagliamo il traguardo davanti a tre barche, ma con il tempo compensato arriviamo ultimi! La giornata, in compenso non è andata poi così male. La barca si è comportata bene tenendo anche un'ottima andatura e l'equipaggio di UnaSuMille è rimasto tutto soddisfatto, in primis, per essere arrivati al traguardo, in secundis, per non essere annegati, in terzis, per non aver battezzato il traghetto locale EneRmaR (Palau-Maddalena).
Rientriamo in porto e l'ormeggio è perfetto!
Il pomeriggio si unisce a noi l'ottavo membro di UnaSuMille (la sportiva Sabrina); partiamo tutti per una bella passeggiata da Cala Gavetta fino ad arrivare allo splendido panorama che si vede dalla Maddalena verso la Corsica. La sera festeggiamo i 35 anni del nostro Comandante.


30/05/06
Il Mare è Molto mosso. Decidiamo di dedicare la Mattinata alla visita del paese di Maddalena. verso le undici insieme ai membri di alcuni altri equipaggi decidiamo di andare in autobus verso Cala Spalmatore. Il posto è stupendo. Pieno di spiagette purtroppo battute da un forte vento gelato. Il mare, color smeraldo, è estremamente freddo e soltanto in due prendimo il coraggio per fare il bagno. Al nostro rientro ci aspetta un brifing sulla regata costiera del giorno successivo. il percorso è stato variato a causa delle previsioni del tempo e si svolge tra Caprera, Maddalena e S.Stefano. Qui abbiamo l'occasione di parlare e farci dare alcuni consigli da Pasquale De Gregorio e Roberto Aversano. Finito il brifing ci aspetta un'assaggio di vini guidato dalla somelier di Rai Gambero Rosso. Assaggiamo sei vini differenti e più si va avanti e più gli 'Assaggianti' passando dal sobrio al brillo, non riescono a togliere gli occhi di dosso alla Somelier estremamente Carina. La sera si finisce con una stupenda cena a base di pesce al ristorante "l'avventura", dopodichè alcuni vanno a letto e altri del nostro equipaggio si intrattengono con Aversano allo Sporting Bar nel porto. Tornando verso la barca vediamo nel porto parecchie spigole ed alcuni Barracuda in caccia.


29/05/06
Il giorno 29 il Capitano si sveglia e guardando l'orologio del compagno di cabina, Marco, esclama: "Sono le 13.30! Sto sotto un treno". Esce di corsa dalla cabina e si dirige verso il pozzetto, pensando che tutte le altre imbarcazioni erano già uscite dal porto. In realtà erano solamente le 7,30! Era una giornata splendida, ma con vento forte. Le barche dei regatanti non avevano intenzione di uscire dal porto. Noi, senza nessun problema, abbiamo lasciato l'ormeggio e siamo andati a fare gasolio, uscendo, poco dopo, alla volta di Caprera. Con solo mezzo fiocco armato raggiungevamo la velocità di quasi otto nodi. Non abbiamo mai tirato più di tanto. Arrivati a Porto Palma il nostro capitano ci dà una spiegazione che ha lasciato tutti interdetti. Ha detto: Questo si chiama porto palma perchè ci sono le vele della scuola velica. Uno scambio di sguardi interrogativi tra noi e non abbiamo approfondito oltre. La giornata è passata tranquilla e quando siamo rientrati in porto siamo stati accolti dai complimenti di molti regatanti che si congratulavano con noi perchè eravamo l'unica barca che aveva abbandonato il porto affrontando i marosi.
Queste esperienze stanno formando il gruppo. A parte alcuni chiarimenti a voce alta, il gruppo si stà saldando. Al porto abbiamo conosciuto parecchie persone importanti tipo Pasquale De Gregorio, Andrea Miceli e Roberto Aversano, ecc.


28/05/06
Il giorno del 28, alle ore 00.30. ci pone subito difronte ad una decisione, abbandonare o no. Dopo 15 ore ci rimanevano ancora 102 miglia marine ed il tempo ormai non era più moltissimo. Dopo una votazione democratico dittatoriale (diciamo così, alle primarie vinceva il non ritiro di un punto, con due astenuti perche dormienti. Allora il nostro capitano, che aveva già deciso, va dai dormienti e gli dice: Noi ci ritiriamo va bene? I due bofonchiano qualcosa che lui interpreta come un secco SI
e così dal conteggio delle schede contestate riesce a sovvertire il risultato.)
Il nostro capitan Berlusca decide cosi di accendere il motore, il che equivale al ritiro. Tra le sue promesse elettorali c'era il fatto che saremmo arrivati per le tre e che ci sarebbe scappato anche il bagno. La giornata procede a motore con un'andatura di quasi otto nodi. Alle 6 abbiamo festeggiato la nostra compagna Mariarita che ha compiuto gli anni.
Alle 9,30 siamo stati avvicinati da un branco di Delfini che ci ha accompagnati per alcuni minuti saltando ed inseguendo la barca. Alle 11 abbiamo visto un pesce luna. La sfiga si presenta pesantemente verso 13 a 20 miglia dalla costa della sardegna il motore ci abbandona. Era finito il gasolio. E così le promesse del Capitano si sono rivelate essere vere e proprie promesse elettorali. Niente bagno. Comunque questo ci ha dato l'occasione di ritirare su le vele e l'arrivo della nostra imbarcazione è stato uno spettacolo, per noi e per chi ci guardava dalla costa. Siamo arrivati intorno alle 19,30 e abbiamo scoperto che in regata era rimasta una sola imbarcazione che tra l'altro era già arrivata. Gli altri, come noi, si erano tutti ritirati. Si stava alzando il maestrale. Alle 22,30 rifesteggiamo con alcuni amici il compleanno di Mariarita in allegria con spumante e con una torta saker. A letto alle 02.00


27/05/06
Il giorno é arrivato. Sono circa le otto quando la prua della nostra barca scorre lentamente fuori dal canale di Fiumara Grande per affrontare le "insidie" del Mediterraneo.
A bordo per la regata di andata abbiamo un "CONSULENTE".
Si tratta di Luca Tisselli che ha gentilmente accettato di mettere a repentaglio la sua reputazione per fare la nostra prima regata con noi.
Dopo qualche bordo fatto sul campo di partenza finalmente ci prepariamo per il via.
Purtroppo il gommone che doveva segnare, insieme alla boa il palo di patrenza continuava ad agitarsi a destra e a sinistra cio ci ha tratto in confusione e alla fine ci siamo ritrovati a partire completamente a sinistra tagliando il via per ultimi. Ore 10,15.
Nonostante il nostro errore procediamo con le mura a dritta e subito ci ingaggiamo con Alisea che lasciamo alle nostre spalle in pochi minuti, nelle due ore successive avevamo ormai recuperato quasi 10 posizioni le barche iniziavano a spargesi nel mediterraneo in maniera confusa, ma noi sempre li, imperterriti.
Verso le sei del pomeriggio il vento inizia a calare in mare si vede qualche delfino che ci salta vicino
alla barca. Dalla radio arriva qualche prima notizia di barche che si ritiravano dalla regata per mancanza di vento. Alle 10 di sera calma piatta. Lascando le vele siamo riusciti a muoverci e ad arrivare a un nodo di velocità si prosegue cosi fino a mezzanotte.


24 Maggio 2006
Tre Giorni dalla partenza! Ormai Manca pochissismo. Intanto il nostro equipaggio si è nuovamente completato. Sabrina è la sorella del nostro capitano, una ragazza simpatica, allegra, e sarà un'ottimo compagno di viaggio.
I preparativi fervono. La Cambusa che ci è stata offerta dal nostro sponsor 'Ebotas Informatica' è una cambusa di tutto rispetto, grazie a lui siamo certi che non soffriremo la fame. Le pratiche burocratiche sono state espletate quasi completamente, manca soltanto che ci consegnino le tessere FIV che andremo a ritirare tra oggi e domani. Le magliette sono arrivate e sono molto belle, e anche quello è un problema risolto.
Ora quello che crea più preoccupazione è il tempo. In questi ultimi giorni si è messo un caldo pazzesco accompagnato da forti sventolate di ponente al pomeriggio, e calma piatta durante la mattina.
Speriamo non sia il preludio di una perturbazione. Il nostro capitano da esperto cavalluccio marino (Lupo di mare era decisamente troppo) scruta spesso il cielo con aria preoccupata, e guardando verso l'orizzonte mormora spesso qualcosa. Ma poi si gira e ci rassicura tutti dicendo:'Vedrete, sarà un'esperienza magnifica.' e noi ne siamo tutti convinti.


5 Maggio 2006
Finalmente abbiamo il dominio.


3 Maggio 2006
Abbiamo ordinato le magliette che sponsorizzano il nostro sito e intanto ancora non ci hanno rilasciato il dominio. Speriamo non ci siano intoppi.


2 Maggio 2006
Manca poco alla partenza, I preparativi procedono. Dobbiamo anche trovare qualcuno che sostituisca il nostro ottavo, ma non è cosa semplice.
Intanto c'è chi si addestra a fare nodi, chi si informa sulle insidie dell'arcipelago, chi sulle zone dove è possibile pescare.


28 aprile 2006
La tensione sale. Oggi abbiamo perso il nostro Tailer, purtroppo ci ha dovuto dare forfait.


27 aprile 2006
Oggi abbiamo fatto la richiesta per il dominio del sito, e stiamo lavorando sulla sua publicazione, stiamo cercando di affrettare i tempi così da poter cercare anche qualche sponsor e qualche scambio di banner per essere più visibili.
Il nostro allenamento quotidiano continua...ci alziamo tutti i giorni per andare al lavoro...


26 aprile 2006
Manca ancora un mese alla partenza, ma la febbre dell'avventura iniza a farsi sentire. In ufficio, nei tempi morti, si parla ormai quasi solo di quello, come organizzarci, quali sono i compiti da assegnare a ciascuno di noi, quale sarà il modo migliore per eseguirli. Si parla spesso dei percorsi da affrontare e delle difficoltà che ci aspetteranno in mare aperto. Nessuno doi noi ha grande esperienza di regate e di spostamenti via mare, ma tutti siamo sicuri che questa debolezza sarà la nostra forza una volta partiti.
Una Su Mille
info@unasumille.it